Passa ai contenuti principali

Nessuno si salva da solo...

Siamo ormai in "fase 2". Dopo i lunghissimi giorni di rigido lockdown che hanno messo a dura prova tutti noi, ora riprendono gradualmente alcune attività economiche. Ancora c'è comunque molta incertezza, paura e confusione e il tessuto sociale ed economico rischia di sfilacciarsi, aggravando così una situazione che già appare molto critica. Anche la vita ecclesiale è ormai come sospesa su una nuvola, una specie di cloud virtuale accessibile con i mezzi della comunicazione sociale, che ci permettono un certo grado di comunicazione e di comunione, ma che non possono certo sostituire l'incontro personale, la comunità fisica e i sacramenti. La Chiesa Italiana all'inizio dell'emergenza sanitaria ha giustamente tenuto un atteggiamento di responsabile collaborazione con le autorità governative e sanitarie, ma ha provato anche delusione e frustrazione nel constatare che nella programmazione della "fase 2" le autorità civili non avevano ancora concretamente pensato a far riprendere le celebrazioni nelle chiese (a parte i riti funebri in modalità assai limitata). La prima reazione della CEI è stata quindi molto netta e questo ha causato un ripensamento da parte delle autorità governative, che ora, a quanto pare, stanno preparando un protocollo d'intesa con la Chiesa Italiana per far ritornare la gente alla pratica del culto pubblico nelle chiese. Anche Papa Francesco è dovuto intervenire per smorzare i toni, che in alcuni casi sono risultati molto accesi (vedi la reazione del Vescovo di Ascoli Piceno), e per facilitare quindi il dialogo tra Stato e Chiesa in questo momento in cui è molto importante cercare di mantenersi coesi ed evitare polemiche distruttive. Il coronavirus ci ha resi tutti vulnerabili e ha scoperto tutti i nostri limiti, non solo in ambito sanitario, ma anche in tutti gli altri ambiti vitali, compreso quello ecclesiale. La Chiesa, si sa, è fatta di uomini e donne che hanno le loro vedute e impostazioni a volte non sempre omogenee, e questa non è una novità. Tuttavia è molto importante non perdere di vista l'obiettivo comune e saper interagire in una dimensione di comunione, proprio come avviene in questi giorni negli ospedali dove è richiesta una pluralità di competenze e risorse umane diverse fra loro, ma tutte convergenti in sincronia verso la cura della persona malata. Chiesa come ospedale da campo quindi, dove oltre che portare la cura è prima ancora più importante lasciarsi curare dal Signore per dare il meglio di noi stessi con amore. Ultimamente sono rimasto molto colpito dalla testimonianza di una Dott.ssa operativa in prima linea nell'INRCA di Ancona, dove sono assistiti diversi pazienti Covid. Mi riferisco a Maria Rita Lombrano, che riferendosi alla sua professione medica in questo tempo di emergenza, ha tra l'altro affermato: " Non è stata una guerra e non è permesso l'alibi degli eroi con cui il mondo vorrebbe viverci...perché siamo "uno di voi", e siamo qui poiché la passione per l'essere umano e per la medicina hanno dettato la scelta di questo lavoro. Un lavoro che si costruisce con anni di sacrifici, prima sui libri e dopo in prima linea. Ed oggi, come ieri, non stiamo facendo altro che rinnovare il nostro "Sì" che è un "Sì" alla passione e al servizio della scienza per il benessere dell'umanità...". Di seguito trovate il link per collegarvi al sito dove poter accedere al video dell'intervista rilasciata a è-Tv lo scorso 1 maggio: Intervista Maria Rita Lombrano








Commenti

most popular

Umanità ecologica e fratellanza universale

Con l’Enciclica Laudato si’ del 2015 Papa Francesco dà alla questione ecologica un risalto enorme e la pone al centro del dibattito ecclesiale e non solo, poiché si apre anche al dialogo con il mondo. “In questa Enciclica, mi propongo specialmente di entrare in dialogo con tutti riguardo alla nostra casa comune”, così dichiara all’inizio del suo documento magisteriale (cfr LS, 3) Papa Bergoglio, appellandosi esplicitamente a San Francesco d’Assisi come sua “guida e ispirazione”, dal quale non a caso ha mutuato il nome di Pontefice, o come lui preferisce definirsi, di Vescovo di Roma. Per la prima volta in un documento magisteriale pontificio si parla di “ecologia integrale”, enunciato con il quale si intende la globalità delle relazioni che legano le creature nel creato in un rapporto di interdipendenza. Su questo concetto il primo Papa gesuita della storia è tornato recentemente nel suo Discorso pronunciato in occasione di un incontro in Vaticano con le Comunità Laudato si’, guidate …

Un vaccino per combattere la povertà farmaceutica

La “povertà farmaceutica” è il punto saliente che Papa Francesco ha evidenziato in un suo Discorso rivolto a una delegazione di membri della Fondazione ‘Banco Farmaceutico’, ricevuti in udienza nell’Aula Paolo VI il 19 settembre scorso. Il Papa ha contrapposto alla “globalizzazione dell’indifferenza” la “globalizzazione della cura”, poiché l’accesso ai farmaci non è uniforme in tutte le parti del mondo. Per esempio, non è la stessa cosa curarsi per l’HIV (Human Immunodeficiency Virus) in Europa e in Africa. Nel continente africano infatti i farmaci per curare la sindrome HIV sono molto costosi e perciò inaccessibili alla maggior parte della popolazione, che è costretta a vivere con due dollari al giorno. Per questo motivo Papa Francesco richiama le aziende farmaceutiche a un impegno per “concorrere ad una più equa distribuzione dei farmaci” e fa anche un importante riferimento alla pandemia in atto, che è causa non solo di morte in tutte le parti del mondo, ma ha anche causato una cri…

Quale fine vita per il covid-19?

Il Convegno regionale sul fine vita programmato per il 21 marzo al Teatro "Don Bosco" di Fabriano era già stato preparato in ogni dettaglio, era tutto pronto, ma l'imprevista epidemia virale poi diventata pandemia ha spazzato via tutto, costringendoci a rinviarlo in tempi migliori. La tempesta virale è ancora in pieno corso con tutta la sua virulenza e sta infestando ormai tutto il mondo, in particolare l'Italia e l'Europa, difficile quindi in questo momento fare previsioni. Anche il Convegno nazionale per la pastorale della salute in programma a Milano dall'11 al 14 maggio è stato rinviato. La vita sociale di ognuno di noi è completamente cambiata, siamo ormai in tempo di distanziamento sociale. Le autorità governative stanno cercando in tutti i modi di limitare al massimo la mobilità delle persone per prevenire nuovi contagi e permettere al sistema sanitario di reggere l'impatto dell'emergenza in atto. Interi ospedali che hanno dovuto riorganizzars…