Passa ai contenuti principali

Post

top post

Sostegno psicologico in tempo di coronavirus

In questo tempo di sofferenza e di fragilità l'Ufficio diocesano per la Pastorale della Salute in coordinamento con l'Associazione Medici Cattolici Italiani (AMCI) e con la Caritas diocesana ha voluto offrire un piccolo contributo alle persone che soffrono particolarmente in questo regime di forzato isolamento sociale a causa dell'epidemia in corso. Ringraziamo la psicologa e psicoterapeuta Maria Teresa Mezzopera per la sua disponibilità. L'obiettivo è quello  di dare un'opportunità di ascolto e di "vicinanza" attraverso i mezzi della comunicazione sociale.

Post recenti

Spalancate le porte a Cristo!

Cento anni fa, il 18 maggio 1920, nasceva Karol Jozef Wojtyla a Wadowice, una piccola città vicino Cracovia, in Polonia. Voglio quindi brevemente ricordare la figura di questo santo pontefice e grande uomo che per circa ventisette anni ha guidato la Chiesa introducendola nel nuovo millennio. Un pontificato tra i più lunghi nella storia della Chiesa vissuto nel segno di una testimonianza autentica e commovente di servizio di amore a Cristo e all'uomo. Non a caso fu proprio durante il suo pontificato che la coscienza ecclesiale acquisì una particolare sensibilità verso le infermità e la sofferenza dell’uomo. Infatti fu Papa Wojtyla con il Motu proprio Dolentium Hominum a istituire nel 1985 la Pontificia Commissione per la Pastorale degli operatori sanitari. La riflessione del Papa santo sulla malattia e la sofferenza umana, vissuta anche sulla propria pelle, è stata importante per ridare centralità e dignità alla persona e per focalizzare l’attenzione sulla dimensione trascendentale…

Nessuno si salva da solo...

Siamo ormai in "fase 2". Dopo i lunghissimi giorni di rigido lockdown che hanno messo a dura prova tutti noi, ora riprendono gradualmente alcune attività economiche. Ancora c'è comunque molta incertezza, paura e confusione e il tessuto sociale ed economico rischia di sfilacciarsi, aggravando così una situazione che già appare molto critica. Anche la vita ecclesiale è ormai come sospesa su una nuvola, una specie di cloud virtuale accessibile con i mezzi della comunicazione sociale, che ci permettono un certo grado di comunicazione e di comunione, ma che non possono certo sostituire l'incontro personale, la comunità fisica e i sacramenti. La Chiesa Italiana all'inizio dell'emergenza sanitaria ha giustamente tenuto un atteggiamento di responsabile collaborazione con le autorità governative e sanitarie, ma ha provato anche delusione e frustrazione nel constatare che nella programmazione della "fase 2" le autorità civili non avevano ancora concretamente…

La solidarietà che annulla le distanze

L’emergenza Covid-19 sta mettendo a dura prova il Sistema Sanitario Nazionale che già da diversi anni palesava gravi criticità e disfunzionalità, manifestatesi anche a livello locale particolarmente con la riduzione di servizi e di personale sanitario nell'Ospedale “E. Profili” di Fabriano. L’Ospedale fabrianese attualmente è l’unico Ospedale No-Covid dell’Area Vasta 2, anche se per qualche settimana, nel picco dell’emergenza sanitaria, ha garantito anche la possibilità di ricovero a pazienti positivi al SARS-CoV-2 nella cosiddetta Covideria, ricavata nel reparto che precedentemente ospitava l’Hospice ospedaliero. Recentemente, grazie al calo dei contagiati, la Covideria è stata disattivata e al suo posto è stato collocato il Reparto di Otorinolaringoiatria, in attesa che, passata l’emergenza Coronavirus, l’Hospice ospedaliero possa riprendere la sua attività che ormai si era consolidata ed era molto apprezzata sul territorio. L’Ospedale quindi va ora a pieno regime e sperimenta …

Buona Pasqua a distanza, ma vicini al Signore

Distanziamento sociale è ciò che ci viene chiesto in questo tempo di pandemia virale per prevenire il contagio. La vita sociale è bloccata, siamo tutti rintanati nelle nostre case, anche la vita ecclesiale è profondamente cambiata. Stiamo riscoprendo l’importanza dei mezzi della comunicazione sociale, che ci garantiscono un contatto sociale anche se virtuale e ci permettono di partecipare alle liturgie, pur senza poter accedere ai sacramenti. Se fino a qualche mese fa si ragionava sul rischio derivante dalla sovraesposizione mediatica, ora invece si riscopre l’importanza dei mass media per veicolare il messaggio evangelico e la preghiera. Questa non è certo una novità e l’esperienza di Radio Maria ne è un evidente esempio.

Circa trenta anni fa nella diocesi di Milano fu pubblicata una originale Lettera pastorale del compianto Cardinale Carlo Maria Martini, intitolata ‘ Il lembo del mantello ’ (anno pastorale 1991-1992), che traeva l’ispirazione dal brano evangelico in cui Gesù inco…