Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2020

La solidarietà che annulla le distanze

L’emergenza Covid-19 sta mettendo a dura prova il Sistema Sanitario Nazionale che già da diversi anni palesava gravi criticità e disfunzionalità, manifestatesi anche a livello locale particolarmente con la riduzione di servizi e di personale sanitario nell'Ospedale “E. Profili” di Fabriano. L’Ospedale fabrianese attualmente è l’unico Ospedale No-Covid dell’Area Vasta 2, anche se per qualche settimana, nel picco dell’emergenza sanitaria, ha garantito anche la possibilità di ricovero a pazienti positivi al SARS-CoV-2 nella cosiddetta Covideria, ricavata nel reparto che precedentemente ospitava l’Hospice ospedaliero. Recentemente, grazie al calo dei contagiati, la Covideria è stata disattivata e al suo posto è stato collocato il Reparto di Otorinolaringoiatria, in attesa che, passata l’emergenza Coronavirus, l’Hospice ospedaliero possa riprendere la sua attività che ormai si era consolidata ed era molto apprezzata sul territorio. L’Ospedale quindi va ora a pieno regime e sperime

Buona Pasqua a distanza, ma vicini al Signore

M. I. Rupnik, Noli me tangere, 2013 Distanziamento sociale è ciò che ci viene chiesto in questo tempo di pandemia virale per prevenire il contagio. La vita sociale è bloccata, siamo tutti rintanati nelle nostre case, anche la vita ecclesiale è profondamente cambiata. Stiamo riscoprendo l’importanza dei mezzi della comunicazione sociale, che ci garantiscono un contatto sociale anche se virtuale e ci permettono di partecipare alle liturgie, pur senza poter accedere ai sacramenti. Se fino a qualche mese fa si ragionava sul rischio derivante dalla sovraesposizione mediatica, ora invece si riscopre l’importanza dei mass media per veicolare il messaggio evangelico e la preghiera. Questa non è certo una novità e l’esperienza di Radio Maria ne è un evidente esempio. Circa trenta anni fa nella diocesi di Milano fu pubblicata una originale Lettera pastorale del compianto Cardinale Carlo Maria Martini, intitolata ‘ Il lembo del mantello ’ (anno pastorale 1991-1992), che traeva l’ispirazio