Passa ai contenuti principali

Il tour di padre Arnaldo Pangrazzi

Lo scorso 17 febbraio è stato un lunedì molto intenso per padre Arnaldo Pangrazzi (mi), presente a Fabriano per animare degli incontri molto interessanti nell'ambito del programma diocesano per la celebrazione della Giornata Mondiale del Malato.
Il religioso camilliano, mio ex docente di pastorale sanitaria, in mattinata ha tenuto un incontro formativo presso il salone dell'ex Collegio Gentile rivolto ai sacerdoti e religiosi diocesani, presenti in discreto numero insieme con il vescovo mons. Francesco Massara. Il tema sviluppato è stato quello dell'accompagnamento spirituale degli ammalati e delle persone ferite dalla vita. Ci è stato ricordato che anche noi sacerdoti siamo dei guaritori feriti, chiamati innanzitutto a entrare in contatto con la nostra interiorità spirituale e umanità redenta dalla grazia del Signore, per relazionarci poi con le persone bisognose della nostra attenzione pastorale in quanto inferme nel corpo e nello spirito, assumendo un atteggiamento umile ed empatico, aperto all'ascolto e all'accoglienza.
Nel primo pomeriggio con padre Arnaldo ci siamo diretti all'Hospice ospedaliero per incontrare un bel gruppo di operatori sanitari in servizio nel reparto dove si praticano le cure palliative per accompagnare le persone affette da patologie irreversibili nell'ultimo tratto della loro vita. Presenti all'incontro, tra gli altri, la dott.ssa Masotti, direttrice del distretto sanitario, il dott. Spuri Capesciotti, coordinatore dell'equipe medica operativa nell'Hospice, la dott.ssa Romagnoli, psicologa, il dr Provvedi, coordinatore del gruppo infermieri, e diverse infermiere. Erano inoltre presenti dei medici dell'attiguo reparto di oncologia, la dott.ssa Silva e la dott.ssa Salvucci. Qui padre Arnaldo ha testimoniato con semplicità e maestria la sua pluriennale esperienza nello specifico ambito pastorale, infatti attualmente egli è assistente spirituale nell'Hospice del Centro Antea di Roma e all'inizio del suo ministero fece un'esperienza molto importante nel St Joseph's Hospital Hospice di Milwaukee, il capoluogo dello stato di Wisconsin, USA.
Il tour si è poi concluso nella chiesa della parrocchia della Beata Maria Vergine della Misericordia dove il religioso camilliano ha potuto parlare ad un'attenta e numerosa assemblea che ha pressoché riempito la chiesa. Un tema messo in particolare evidenza da padre Arnaldo è stato quello dell'aiuto nell'elaborazione del lutto. Argomento molto attuale e sentito nella parrocchia ospitante, poiché da poco vi è sorto un gruppo di mutuo aiuto nell'elaborazione del lutto denominato "amore oltre", coordinato dal parroco don Umberto Rotili e dallo psicologo Fabio Migliorini.

Commenti

most popular

L'Ospedale "Profili" a fronte della nuova ondata pandemica

In un territorio regionale classificato zona arancione dove ad oggi si registra il 45% dei posti letto nei reparti ospedalieri di Rianimazione (+ 2% rispetto alla media nazionale e ben + 15% rispetto alla soglia di guardia, dati Agenas) occupati da pazienti con patologia Covid-19, anche l’Ospedale “E. Profili” di Fabriano, benché classificato come Ospedale no-Covid, risente della nuova ondata pandemica in corso. La prima conseguenza a livello di riassetto organizzativo interno è stata la riattivazione della cosiddetta “Area Buffer” ricavata negli spazi dell’Hospice, che questa volta almeno non è stato smantellato, come avvenne a marzo, ma traslocato nella sezione finale delle post-acuzie del reparto di Medicina Interna, conservando gli 8 posti letto e il corpo medico infermieristico dedicato, pur patendo inevitabili disagi derivanti dal restringimento dello spazio operativo. Recentemente c’è stato anche l’accorpamento del reparto di Otorinolaringoiatria con Ortopedia e Oculistica, e qu

Umanità ecologica e fratellanza universale

Con l’Enciclica Laudato si’ del 2015 Papa Francesco dà alla questione ecologica un risalto enorme e la pone al centro del dibattito ecclesiale e non solo, poiché si apre anche al dialogo con il mondo. “In questa Enciclica, mi propongo specialmente di entrare in dialogo con tutti riguardo alla nostra casa comune”, così dichiara all’inizio del suo documento magisteriale (cfr LS, 3) Papa Bergoglio, appellandosi esplicitamente a San Francesco d’Assisi come sua “guida e ispirazione”, dal quale non a caso ha mutuato il nome di Pontefice, o come lui preferisce definirsi, di Vescovo di Roma. Per la prima volta in un documento magisteriale pontificio si parla di “ecologia integrale”, enunciato con il quale si intende la globalità delle relazioni che legano le creature nel creato in un rapporto di interdipendenza. Su questo concetto il primo Papa gesuita della storia è tornato recentemente nel suo Discorso pronunciato in occasione di un incontro in Vaticano con le Comunità Laudato si’ , guidat

La cura dei "buoni samaritani" per una fraternità universale

Rupnik, Buon Samaritano (particolare)   Un ottobre ricco di eventi e di pubblicazioni di documenti magisteriali molto importanti, che riguardano temi fondamentali della nostra esistenza in un contesto sociale segnato dalla ripresa virulenta della pandemia.  Papa Francesco ha pubblicato la sua terza Enciclica  Fratelli tutti   di dichiarato stampo sociale, prendendo spunto per il suo titolo da uno scritto di San Francesco. La fraternità è il tema centrale che viene trattato in un contesto dove tutti ci scopriamo molto più vulnerabili e interdipendenti nel bene e nel male. Urge perciò  un ripensamento, una riprogettazione del futuro e non un nostalgico anelito di una presunta normalità pre Covid. Papa Francesco lo evidenzia molto chiaramente: “Proprio mentre stavo scrivendo questa lettera, ha fatto irruzione in maniera inattesa la pandemia   del Covid-19, che ha messo in luce le nostre false sicurezze. Al di là delle varie risposte che hanno dato i diversi Paesi, è apparsa evidente l’inc