Passa ai contenuti principali

Il tour di padre Arnaldo Pangrazzi

Lo scorso 17 febbraio è stato un lunedì molto intenso per padre Arnaldo Pangrazzi (mi), presente a Fabriano per animare degli incontri molto interessanti nell'ambito del programma diocesano per la celebrazione della Giornata Mondiale del Malato.
Il religioso camilliano, mio ex docente di pastorale sanitaria, in mattinata ha tenuto un incontro formativo presso il salone dell'ex Collegio Gentile rivolto ai sacerdoti e religiosi diocesani, presenti in discreto numero insieme con il vescovo mons. Francesco Massara. Il tema sviluppato è stato quello dell'accompagnamento spirituale degli ammalati e delle persone ferite dalla vita. Ci è stato ricordato che anche noi sacerdoti siamo dei guaritori feriti, chiamati innanzitutto a entrare in contatto con la nostra interiorità spirituale e umanità redenta dalla grazia del Signore, per relazionarci poi con le persone bisognose della nostra attenzione pastorale in quanto inferme nel corpo e nello spirito, assumendo un atteggiamento umile ed empatico, aperto all'ascolto e all'accoglienza.
Nel primo pomeriggio con padre Arnaldo ci siamo diretti all'Hospice ospedaliero per incontrare un bel gruppo di operatori sanitari in servizio nel reparto dove si praticano le cure palliative per accompagnare le persone affette da patologie irreversibili nell'ultimo tratto della loro vita. Presenti all'incontro, tra gli altri, la dott.ssa Masotti, direttrice del distretto sanitario, il dott. Spuri Capesciotti, coordinatore dell'equipe medica operativa nell'Hospice, la dott.ssa Romagnoli, psicologa, il dr Provvedi, coordinatore del gruppo infermieri, e diverse infermiere. Erano inoltre presenti dei medici dell'attiguo reparto di oncologia, la dott.ssa Silva e la dott.ssa Salvucci. Qui padre Arnaldo ha testimoniato con semplicità e maestria la sua pluriennale esperienza nello specifico ambito pastorale, infatti attualmente egli è assistente spirituale nell'Hospice del Centro Antea di Roma e all'inizio del suo ministero fece un'esperienza molto importante nel St Joseph's Hospital Hospice di Milwaukee, il capoluogo dello stato di Wisconsin, USA.
Il tour si è poi concluso nella chiesa della parrocchia della Beata Maria Vergine della Misericordia dove il religioso camilliano ha potuto parlare ad un'attenta e numerosa assemblea che ha pressoché riempito la chiesa. Un tema messo in particolare evidenza da padre Arnaldo è stato quello dell'aiuto nell'elaborazione del lutto. Argomento molto attuale e sentito nella parrocchia ospitante, poiché da poco vi è sorto un gruppo di mutuo aiuto nell'elaborazione del lutto denominato "amore oltre", coordinato dal parroco don Umberto Rotili e dallo psicologo Fabio Migliorini.

Commenti

most popular

Umanità ecologica e fratellanza universale

Con l’Enciclica Laudato si’ del 2015 Papa Francesco dà alla questione ecologica un risalto enorme e la pone al centro del dibattito ecclesiale e non solo, poiché si apre anche al dialogo con il mondo. “In questa Enciclica, mi propongo specialmente di entrare in dialogo con tutti riguardo alla nostra casa comune”, così dichiara all’inizio del suo documento magisteriale (cfr LS, 3) Papa Bergoglio, appellandosi esplicitamente a San Francesco d’Assisi come sua “guida e ispirazione”, dal quale non a caso ha mutuato il nome di Pontefice, o come lui preferisce definirsi, di Vescovo di Roma. Per la prima volta in un documento magisteriale pontificio si parla di “ecologia integrale”, enunciato con il quale si intende la globalità delle relazioni che legano le creature nel creato in un rapporto di interdipendenza. Su questo concetto il primo Papa gesuita della storia è tornato recentemente nel suo Discorso pronunciato in occasione di un incontro in Vaticano con le Comunità Laudato si’, guidate …

Un vaccino per combattere la povertà farmaceutica

La “povertà farmaceutica” è il punto saliente che Papa Francesco ha evidenziato in un suo Discorso rivolto a una delegazione di membri della Fondazione ‘Banco Farmaceutico’, ricevuti in udienza nell’Aula Paolo VI il 19 settembre scorso. Il Papa ha contrapposto alla “globalizzazione dell’indifferenza” la “globalizzazione della cura”, poiché l’accesso ai farmaci non è uniforme in tutte le parti del mondo. Per esempio, non è la stessa cosa curarsi per l’HIV (Human Immunodeficiency Virus) in Europa e in Africa. Nel continente africano infatti i farmaci per curare la sindrome HIV sono molto costosi e perciò inaccessibili alla maggior parte della popolazione, che è costretta a vivere con due dollari al giorno. Per questo motivo Papa Francesco richiama le aziende farmaceutiche a un impegno per “concorrere ad una più equa distribuzione dei farmaci” e fa anche un importante riferimento alla pandemia in atto, che è causa non solo di morte in tutte le parti del mondo, ma ha anche causato una cri…

Sostegno psicologico in tempo di coronavirus

In questo tempo di sofferenza e di fragilità l'Ufficio diocesano per la Pastorale della Salute in coordinamento con l'Associazione Medici Cattolici Italiani (AMCI) e con la Caritas diocesana ha voluto offrire un piccolo contributo alle persone che soffrono particolarmente in questo regime di forzato isolamento sociale a causa dell'epidemia in corso. Ringraziamo la psicologa e psicoterapeuta Maria Teresa Mezzopera per la sua disponibilità. L'obiettivo è quello  di dare un'opportunità di ascolto e di "vicinanza" attraverso i mezzi della comunicazione sociale.