Passa ai contenuti principali

Affidarsi a Maria per accogliere Gesù

MARIA, MADRE DELLA MISERICORDIA

La bella immagine, risalente al 1924, campeggia incorniciata in un quadro incastonato nell'apposita nicchia, che spicca sopra il tabernacolo nel presbiterio dietro all'altare della Cappella dedicata alla Madre della Misericordia dell'ex Collegio Gentile di Fabriano. L'autore del dipinto è il fabrianese Francesco Zonghi Lotti, pittore ufficiale di cinque papi: Pio X, Benedetto XV, Pio XI, Pio XII e Giovanni XXIII. L'altare dell'antica Cappella settecentesca dopo la riforma liturgica post conciliare fu spostato in avanti di circa quattro metri e questo ha dato al quadro ancor più risalto per la pietà quotidiana dei fedeli.
Il volto di Gesù bambino appare più grande in proporzione rispetto a quello della beata vergine e madre, che rimane più sullo sfondo, accentuandone così la prospettica del primo piano. La sublimità del volto di Maria si mostra in contemplazione del suo divin figlio, che sorregge in un tenero abbraccio. Con la mano destra ella sembra rimandare alla piccola croce splendente sul petto di Gesù, attaccata alla sua vestina rossastra. A sua volta, di rimando il piccolo Gesù con la manina destra indica il volto della madre, mentre con l'indice della sinistra punta la piccola croce che troneggia sul suo petto. Questi reciproci richiami conferiscono all'immagine una sorta di dinamica circolare in un rapporto di reciprocità, che trova il suo focus di attrazione nella croce, segno cristiano per eccellenza, in cui risplende gloriosa la misericordia divina e dove si rispecchia immacolata anche quella della madre.
Nostra Signora della Misericordia, 
prega per noi

Cuore Immacolato di Maria

Modello perfetto di santità, prendici,
trasformaci a tua immagine.
Purifica e libera il nostro cuore
da ogni ostacolo di santità.

Che, liberato da noi stessi
e da ogni altra seduzione,
Tu ci possa rendere ricchi di Te, 
delle virtù del Tuo Cuore Immacolato.

E guidaci a quella intimità divina
che Tu solo conosci,
e che solo può colmare
l'immenso bisogno d'amore
e d'unione che Dio ci ha messo nel cuore.

Attendiamo da Te, con fiducia,
questa grazia di santità...
e affidiamo il nostro destino eterno
al Tuo Cuore Immacolato.

Amen.

Commenti

most popular

L'Ospedale "Profili" a fronte della nuova ondata pandemica

In un territorio regionale classificato zona arancione dove ad oggi si registra il 45% dei posti letto nei reparti ospedalieri di Rianimazione (+ 2% rispetto alla media nazionale e ben + 15% rispetto alla soglia di guardia, dati Agenas) occupati da pazienti con patologia Covid-19, anche l’Ospedale “E. Profili” di Fabriano, benché classificato come Ospedale no-Covid, risente della nuova ondata pandemica in corso. La prima conseguenza a livello di riassetto organizzativo interno è stata la riattivazione della cosiddetta “Area Buffer” ricavata negli spazi dell’Hospice, che questa volta almeno non è stato smantellato, come avvenne a marzo, ma traslocato nella sezione finale delle post-acuzie del reparto di Medicina Interna, conservando gli 8 posti letto e il corpo medico infermieristico dedicato, pur patendo inevitabili disagi derivanti dal restringimento dello spazio operativo. Recentemente c’è stato anche l’accorpamento del reparto di Otorinolaringoiatria con Ortopedia e Oculistica, e qu

Umanità ecologica e fratellanza universale

Con l’Enciclica Laudato si’ del 2015 Papa Francesco dà alla questione ecologica un risalto enorme e la pone al centro del dibattito ecclesiale e non solo, poiché si apre anche al dialogo con il mondo. “In questa Enciclica, mi propongo specialmente di entrare in dialogo con tutti riguardo alla nostra casa comune”, così dichiara all’inizio del suo documento magisteriale (cfr LS, 3) Papa Bergoglio, appellandosi esplicitamente a San Francesco d’Assisi come sua “guida e ispirazione”, dal quale non a caso ha mutuato il nome di Pontefice, o come lui preferisce definirsi, di Vescovo di Roma. Per la prima volta in un documento magisteriale pontificio si parla di “ecologia integrale”, enunciato con il quale si intende la globalità delle relazioni che legano le creature nel creato in un rapporto di interdipendenza. Su questo concetto il primo Papa gesuita della storia è tornato recentemente nel suo Discorso pronunciato in occasione di un incontro in Vaticano con le Comunità Laudato si’ , guidat

La cura dei "buoni samaritani" per una fraternità universale

Rupnik, Buon Samaritano (particolare)   Un ottobre ricco di eventi e di pubblicazioni di documenti magisteriali molto importanti, che riguardano temi fondamentali della nostra esistenza in un contesto sociale segnato dalla ripresa virulenta della pandemia.  Papa Francesco ha pubblicato la sua terza Enciclica  Fratelli tutti   di dichiarato stampo sociale, prendendo spunto per il suo titolo da uno scritto di San Francesco. La fraternità è il tema centrale che viene trattato in un contesto dove tutti ci scopriamo molto più vulnerabili e interdipendenti nel bene e nel male. Urge perciò  un ripensamento, una riprogettazione del futuro e non un nostalgico anelito di una presunta normalità pre Covid. Papa Francesco lo evidenzia molto chiaramente: “Proprio mentre stavo scrivendo questa lettera, ha fatto irruzione in maniera inattesa la pandemia   del Covid-19, che ha messo in luce le nostre false sicurezze. Al di là delle varie risposte che hanno dato i diversi Paesi, è apparsa evidente l’inc