Passa ai contenuti principali

Affidarsi a Maria per accogliere Gesù

MARIA, MADRE DELLA MISERICORDIA

La bella immagine, risalente al 1924, campeggia incorniciata in un quadro incastonato nell'apposita nicchia, che spicca sopra il tabernacolo nel presbiterio dietro all'altare della Cappella dedicata alla Madre della Misericordia dell'ex Collegio Gentile di Fabriano. L'autore del dipinto è il fabrianese Francesco Zonghi Lotti, pittore ufficiale di cinque papi: Pio X, Benedetto XV, Pio XI, Pio XII e Giovanni XXIII. L'altare dell'antica Cappella settecentesca dopo la riforma liturgica post conciliare fu spostato in avanti di circa quattro metri e questo ha dato al quadro ancor più risalto per la pietà quotidiana dei fedeli.
Il volto di Gesù bambino appare più grande in proporzione rispetto a quello della beata vergine e madre, che rimane più sullo sfondo, accentuandone così la prospettica del primo piano. La sublimità del volto di Maria si mostra in contemplazione del suo divin figlio, che sorregge in un tenero abbraccio. Con la mano destra ella sembra rimandare alla piccola croce splendente sul petto di Gesù, attaccata alla sua vestina rossastra. A sua volta, di rimando il piccolo Gesù con la manina destra indica il volto della madre, mentre con l'indice della sinistra punta la piccola croce che troneggia sul suo petto. Questi reciproci richiami conferiscono all'immagine una sorta di dinamica circolare in un rapporto di reciprocità, che trova il suo focus di attrazione nella croce, segno cristiano per eccellenza, in cui risplende gloriosa la misericordia divina e dove si rispecchia immacolata anche quella della madre.
Nostra Signora della Misericordia, 
prega per noi

Cuore Immacolato di Maria

Modello perfetto di santità, prendici,
trasformaci a tua immagine.
Purifica e libera il nostro cuore
da ogni ostacolo di santità.

Che, liberato da noi stessi
e da ogni altra seduzione,
Tu ci possa rendere ricchi di Te, 
delle virtù del Tuo Cuore Immacolato.

E guidaci a quella intimità divina
che Tu solo conosci,
e che solo può colmare
l'immenso bisogno d'amore
e d'unione che Dio ci ha messo nel cuore.

Attendiamo da Te, con fiducia,
questa grazia di santità...
e affidiamo il nostro destino eterno
al Tuo Cuore Immacolato.

Amen.

Commenti

most popular

Speranza di vita

Ormai il microblogging (Twitter, Instagram, ecc.) ha preso il sopravvento non solo nella modalità comunicativa di giovani che non vogliono dilungarsi in pensieri troppo elaborati. Molto più facile digitare pochi caratteri senza grandi pretese formali per comunicare nell'immediatezza le proprie emozioni o accenni di pensiero, per immergere poi il tutto (o il poco più di niente) nel mare magnum della rete informatica che globalizza il mondo. Il social network è ormai un efficace strumento di persuasione di massa, i politici lo sanno e per questo lo hanno adottato come mezzo comunicativo per dare visibilità ai loro slogan di potere. Molto efficace specialmente in tempi di rilassamento sociale (ferie agostane) e di distanziamento sociale post-lockdown, dove tutti sono preoccupati della propria salute, oltre che del proprio reddito, e quindi maggiore è la speranza che il cinguettio agostano del ministro della salute possa martellarci in mente come un ipnotico rap, fino a farci perdere …

Vita, famiglia, comunità umana, pandemia: urgente un Recovery Life

I recenti dati ISTAT in Italia ci attestano per il 2019 appena 429.170 iscritti all’anagrafe, -4,5% rispetto all’anno precedente (19.000 nascite in meno) e il calo più vistoso si è registrato proprio nel centro Italia (-6,5 %). Le proiezioni per il 2020 purtroppo sono ancora più negative, in quanto aggravate dall’emergenza Covid-19, infatti è previsto un calo di nascite a sotto 400.00 unità. Sono dati a mio avviso allarmanti, che però non hanno molta evidenza nelle vetrine mediatiche. Ora la scena è occupata dal tema dominante del Recovery Fund e un po’ tutti speriamo che l’Italia riesca a recuperare non solo percentuali di Pil, di occupazione e produttività, ma anche percentuali di natalità e di vitalità in ogni settore della società. Negli anni del secondo dopoguerra l’Italia era un Paese povero, dove si poteva anche morire di fame, ma era un Paese più vitale e intraprendente rispetto all’attuale. Nel 1975, a seguito del boom demografico degli anni ’50 – ’60, l’Italia si trovava nel…

Spalancate le porte a Cristo!

Cento anni fa, il 18 maggio 1920, nasceva Karol Jozef Wojtyla a Wadowice, una piccola città vicino Cracovia, in Polonia. Voglio quindi brevemente ricordare la figura di questo santo pontefice e grande uomo che per circa ventisette anni ha guidato la Chiesa introducendola nel nuovo millennio. Un pontificato tra i più lunghi nella storia della Chiesa vissuto nel segno di una testimonianza autentica e commovente di servizio di amore a Cristo e all'uomo. Non a caso fu proprio durante il suo pontificato che la coscienza ecclesiale acquisì una particolare sensibilità verso le infermità e la sofferenza dell’uomo. Infatti fu Papa Wojtyla con il Motu proprio Dolentium Hominum a istituire nel 1985 la Pontificia Commissione per la Pastorale degli operatori sanitari. La riflessione del Papa santo sulla malattia e la sofferenza umana, vissuta anche sulla propria pelle, è stata importante per ridare centralità e dignità alla persona e per focalizzare l’attenzione sulla dimensione trascendentale…