Passa ai contenuti principali

La solidarietà che annulla le distanze



L’emergenza Covid-19 sta mettendo a dura prova il Sistema Sanitario Nazionale che già da diversi anni palesava gravi criticità e disfunzionalità, manifestatesi anche a livello locale particolarmente con la riduzione di servizi e di personale sanitario nell'Ospedale “E. Profili” di Fabriano. L’Ospedale fabrianese attualmente è l’unico Ospedale No-Covid dell’Area Vasta 2, anche se per qualche settimana, nel picco dell’emergenza sanitaria, ha garantito anche la possibilità di ricovero a pazienti positivi al SARS-CoV-2 nella cosiddetta Covideria, ricavata nel reparto che precedentemente ospitava l’Hospice ospedaliero. Recentemente, grazie al calo dei contagiati, la Covideria è stata disattivata e al suo posto è stato collocato il Reparto di Otorinolaringoiatria, in attesa che, passata l’emergenza Coronavirus, l’Hospice ospedaliero possa riprendere la sua attività che ormai si era consolidata ed era molto apprezzata sul territorio. L’Ospedale quindi va ora a pieno regime e sperimenta un grande affollamento di pazienti con altre patologie provenienti da tutto il territorio di AV 2. In questo tempo tutti stiamo apprezzando il grande lavoro degli operatori sanitari (medici, infermieri, oss, amministrativi) svolto con abnegazione e grande sacrificio per rendere concreto il diritto alla salute dei cittadini. Molto significativa è anche la solidarietà che si è concretizzata e si sta concretizzando a sostegno del servizio sanitario del distretto fabrianese. Mi riferisco innanzitutto all'importante contributo che è stato dato attraverso la raccolta di fondi promossa dalla Fondazione CARIFAC in sinergia con la Fondazione Aristide Merloni e con l’Ariston Thermo Group e in collaborazione con Radio Gold, che ha permesso all'Ospedale di dotarsi di strumentazioni molto importanti e utili: due ecografi palmari che permettono di operare dal letto del paziente evitando eventuali rischi di contagio da trasporto, venti caschi che consentono di effettuare ventilazione assistita in modalità Cpap (pressione positiva continua delle vie aeree, una modalità di ventilazione non invasiva) ai pazienti affetti da Covid-19 e un ecografo portatile Sonosite con sonde per ecocardiografia ed ecografia toracico addominale. Quest’ultimo strumento sarà in dotazione anche all'Unità Speciale per la Continuità Assistenziale (USCA) del Distretto sanitario di Fabriano, che avrà quindi una duplice valenza applicativa, in ambito ospedaliero e in ambito territoriale. Le USCA recentemente istituite dall'ASUR nei vari distretti sanitari sono coordinate da medici di medicina generale, dai pediatri di libera scelta o dalla guardia medica e sono composte da medici e infermieri operativi sul territorio con il compito di effettuare controlli a domicilio per testare eventuali contagi da Coronavirus. A sostegno della USCA fabrianese, che fa capo alla dirigente la Dr.ssa Giuseppina Masotti, si è attivata anche la sezione fabrianese dell’Associazione Medici Cattolici Italiani (AMCI) che l'ha rifornita di saturimetri, dispositivi medici necessari per misurare il grado di ossigenazione ematica, parametro medico essenziale per effettuare una corretta diagnosi. Il Dott. Pietro Torresan, presidente della sezione AMCI di Fabriano, si è attivato personalmente per reperire questi strumenti, alcuni dei quali sono stati consegnati anche a dei medici di base e altri sono in attesa di arrivo, per essere poi ulteriormente distribuiti ad altri medici operativi sul territorio. Inoltre il presidente AMCI è stato il tramite che mi ha permesso di mettermi in contatto con la psicoterapeuta Maria Teresa Mezzopera, con la quale ho potuto così concordare l’attuazione di un importante servizio di sostegno psicologico telematico rivolto alle persone che soffrono particolarmente a livello psicologico in questo tempo di isolamento e distanziamento sociale imposto dall'emergenza sanitaria in atto. Anche sul territorio camerte si sono registrate importanti testimonianze di solidarietà, quella del Vescovo S. E. Mons. Francesco Massara, che ha donato 30.000 € all'Ospedale Covid di Camerino e quella della Fondazione ARPA, che fa capo al famoso tenore Andrea Bocelli, che ha donato quattro ventilatori al Reparto di Rianimazione dello stesso Presidio ospedaliero. In conclusione, pur se costretti a rimanere fisicamente distanti, la generosità e la bontà delle persone rende possibile una prossimità di carità sempre più contagiosa. L’auspicio è che il contagio della carità aumenti e conquisti sempre di più il cuore delle persone di buona volontà e quello del coronavirus diminuisca e sia tenuto a debita distanza.

N.B.
La raccolta fondi prosegue: donazioni liberali con bonifico intestato a Fondazione Carifac su IBAN IT29K 03069 21103 10000 0003518 indicando in causale “Donazione liberale Emergenza COVID”.

Commenti

most popular

Umanità ecologica e fratellanza universale

Con l’Enciclica Laudato si’ del 2015 Papa Francesco dà alla questione ecologica un risalto enorme e la pone al centro del dibattito ecclesiale e non solo, poiché si apre anche al dialogo con il mondo. “In questa Enciclica, mi propongo specialmente di entrare in dialogo con tutti riguardo alla nostra casa comune”, così dichiara all’inizio del suo documento magisteriale (cfr LS, 3) Papa Bergoglio, appellandosi esplicitamente a San Francesco d’Assisi come sua “guida e ispirazione”, dal quale non a caso ha mutuato il nome di Pontefice, o come lui preferisce definirsi, di Vescovo di Roma. Per la prima volta in un documento magisteriale pontificio si parla di “ecologia integrale”, enunciato con il quale si intende la globalità delle relazioni che legano le creature nel creato in un rapporto di interdipendenza. Su questo concetto il primo Papa gesuita della storia è tornato recentemente nel suo Discorso pronunciato in occasione di un incontro in Vaticano con le Comunità Laudato si’, guidate …

Un vaccino per combattere la povertà farmaceutica

La “povertà farmaceutica” è il punto saliente che Papa Francesco ha evidenziato in un suo Discorso rivolto a una delegazione di membri della Fondazione ‘Banco Farmaceutico’, ricevuti in udienza nell’Aula Paolo VI il 19 settembre scorso. Il Papa ha contrapposto alla “globalizzazione dell’indifferenza” la “globalizzazione della cura”, poiché l’accesso ai farmaci non è uniforme in tutte le parti del mondo. Per esempio, non è la stessa cosa curarsi per l’HIV (Human Immunodeficiency Virus) in Europa e in Africa. Nel continente africano infatti i farmaci per curare la sindrome HIV sono molto costosi e perciò inaccessibili alla maggior parte della popolazione, che è costretta a vivere con due dollari al giorno. Per questo motivo Papa Francesco richiama le aziende farmaceutiche a un impegno per “concorrere ad una più equa distribuzione dei farmaci” e fa anche un importante riferimento alla pandemia in atto, che è causa non solo di morte in tutte le parti del mondo, ma ha anche causato una cri…

Quale fine vita per il covid-19?

Il Convegno regionale sul fine vita programmato per il 21 marzo al Teatro "Don Bosco" di Fabriano era già stato preparato in ogni dettaglio, era tutto pronto, ma l'imprevista epidemia virale poi diventata pandemia ha spazzato via tutto, costringendoci a rinviarlo in tempi migliori. La tempesta virale è ancora in pieno corso con tutta la sua virulenza e sta infestando ormai tutto il mondo, in particolare l'Italia e l'Europa, difficile quindi in questo momento fare previsioni. Anche il Convegno nazionale per la pastorale della salute in programma a Milano dall'11 al 14 maggio è stato rinviato. La vita sociale di ognuno di noi è completamente cambiata, siamo ormai in tempo di distanziamento sociale. Le autorità governative stanno cercando in tutti i modi di limitare al massimo la mobilità delle persone per prevenire nuovi contagi e permettere al sistema sanitario di reggere l'impatto dell'emergenza in atto. Interi ospedali che hanno dovuto riorganizzars…