Passa ai contenuti principali

Con lo sguardo di Gesù

La XXVIII Giornata Mondiale del Malato ci propone l'invito di Gesù a trovare la forza e la gioia dell'annuncio del Vangelo quando il contesto vitale sembra ostile e la tentazione dello scoraggiamento è in agguato: «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro» (Mt 11,28).
C'è una debolezza strutturale in chi si fa portatore della buona novella del regno di Dio rivelato da Gesù Cristo, che è quella della povertà dei mezzi («Non procuratevi oro e argento nelle vostre cinture», cfr Mt 10, 9), ma proprio in ciò che agli occhi del mondo appare come debolezza e stoltezza si manifesta la potenza e la sapienza di Dio. 
Papa Francesco nel suo messaggio per la Giornata Mondiale del Malato di quest'anno ci ricorda che "Gesù rivolge l’invito agli ammalati e agli oppressi, ai poveri che sanno di dipendere interamente da Dio e che, feriti dal peso della prova, hanno bisogno di guarigione. Gesù Cristo, a chi vive l’angoscia per la propria situazione di fragilità, dolore e debolezza, non impone leggi, ma offre la sua misericordia, cioè la sua persona ristoratrice". Il Papa ci invita perciò ad avere lo stesso sguardo di Gesù sull'umanità che patisce diverse "forme gravi di sofferenza: malattie inguaribili e croniche, patologie psichiche, quelle che necessitano di riabilitazione o di cure palliative, le varie disabilità, le malattie dell'infanzia e della vecchiaia...". Per instaurare una relazione di aiuto con le persone malate che riesca a comunicare la grazia sanante di Cristo è fondamentale avere i suoi stessi sentimenti, poiché "Egli stesso si è fatto debole, sperimentando l’umana sofferenza e ricevendo a sua volta ristoro dal Padre. Infatti, solo chi fa, in prima persona, questa esperienza saprà essere di conforto per l’altro." 
Nella diocesi di Fabriano - Matelica la Giornata del Malato è stata celebrata in diversi luoghi significativi per la presenza di infermi e anziani, la Casa di riposo per anziani S. Caterina, gli Ospedali di Fabriano, Matelica e Sassoferrato, dove si sono recati per celebrare l'Eucarestia e visitare gli ammalati il vescovo mons. Massara, che è l'attuale amministratore apostolico diocesano, il vescovo emerito mons. Vecerrica e l'autore di questo blog, che è anche il responsabile dell'Ufficio diocesano per la pastorale della salute. Particolarmente apprezzata è stata la presenza di mons. Massara nell'Ospedale di Comunità a Sassoferrato, 40 posti letto per i due reparti di RSA e Cure intermedie. Mons. Massara dopo la celebrazione dell'Eucarestia nella cappella ospedaliera, dove erano presenti anche degli infermi ricoverati nella struttura ospedaliera, accompagnati dai volontari della Croce Rossa, si è recato nei due reparti dove ha incontrato tutti i ricoverati nelle proprie camere, portando ad ognuno una parola di conforto e la consolazione spirituale. Lungo il percorso è stato accompagnato dalla direttrice del distretto sanitario dott.ssa Giuseppina Masotti e dalla caposala Donatella Cinti. Diversi ammalati che non si potevano muovere dalle loro stanze hanno potuto anche ricevere la comunione eucaristica grazie al servizio pastorale del diacono Ugo Chiorrini e del ministro straordinario della comunione Adriano Giuliani.

Messaggio di Papa Francesco per la XXVIII GMM

Commenti

most popular

Umanità ecologica e fratellanza universale

Con l’Enciclica Laudato si’ del 2015 Papa Francesco dà alla questione ecologica un risalto enorme e la pone al centro del dibattito ecclesiale e non solo, poiché si apre anche al dialogo con il mondo. “In questa Enciclica, mi propongo specialmente di entrare in dialogo con tutti riguardo alla nostra casa comune”, così dichiara all’inizio del suo documento magisteriale (cfr LS, 3) Papa Bergoglio, appellandosi esplicitamente a San Francesco d’Assisi come sua “guida e ispirazione”, dal quale non a caso ha mutuato il nome di Pontefice, o come lui preferisce definirsi, di Vescovo di Roma. Per la prima volta in un documento magisteriale pontificio si parla di “ecologia integrale”, enunciato con il quale si intende la globalità delle relazioni che legano le creature nel creato in un rapporto di interdipendenza. Su questo concetto il primo Papa gesuita della storia è tornato recentemente nel suo Discorso pronunciato in occasione di un incontro in Vaticano con le Comunità Laudato si’, guidate …

Un vaccino per combattere la povertà farmaceutica

La “povertà farmaceutica” è il punto saliente che Papa Francesco ha evidenziato in un suo Discorso rivolto a una delegazione di membri della Fondazione ‘Banco Farmaceutico’, ricevuti in udienza nell’Aula Paolo VI il 19 settembre scorso. Il Papa ha contrapposto alla “globalizzazione dell’indifferenza” la “globalizzazione della cura”, poiché l’accesso ai farmaci non è uniforme in tutte le parti del mondo. Per esempio, non è la stessa cosa curarsi per l’HIV (Human Immunodeficiency Virus) in Europa e in Africa. Nel continente africano infatti i farmaci per curare la sindrome HIV sono molto costosi e perciò inaccessibili alla maggior parte della popolazione, che è costretta a vivere con due dollari al giorno. Per questo motivo Papa Francesco richiama le aziende farmaceutiche a un impegno per “concorrere ad una più equa distribuzione dei farmaci” e fa anche un importante riferimento alla pandemia in atto, che è causa non solo di morte in tutte le parti del mondo, ma ha anche causato una cri…

Sostegno psicologico in tempo di coronavirus

In questo tempo di sofferenza e di fragilità l'Ufficio diocesano per la Pastorale della Salute in coordinamento con l'Associazione Medici Cattolici Italiani (AMCI) e con la Caritas diocesana ha voluto offrire un piccolo contributo alle persone che soffrono particolarmente in questo regime di forzato isolamento sociale a causa dell'epidemia in corso. Ringraziamo la psicologa e psicoterapeuta Maria Teresa Mezzopera per la sua disponibilità. L'obiettivo è quello  di dare un'opportunità di ascolto e di "vicinanza" attraverso i mezzi della comunicazione sociale.